logo_www.infoshops.it

in collaborazione con

clicca per scoprire chi siamo:  pierreci

clicca per scoprire chi siamo: palazzo delle esposizioni

japanese version

www.infoshops.it_English version

www.infoshops.it_versione italiano

HOME

CHI SIAMO

TERRITORIO

SCUOLE

AGENZIE

CONTATTACI

NEWS

UFFICIO STAMPA

NEWSLETTER

ARTE & CULTURA

La Tuscia e la Maremma, terra degli Etruschi, sono riche di siti di interesse archeologica e storica, quali Vulci, Tarquinia, Cerveteri e Veio. Inoltre, esse vantano una vastissima produzione enogastronomica, che la rende un vero paradiso per gli amanti della buona tavola e dei prodotti tipici, quali olio, vino, formaggi, prodotti da forno, nocciole.
I pacchetti Arte & Cultura prevedono visita alla Mostra Etruschi e ai siti archeologici, con la possibilità di degustazione di prodotti tipici, visite alle cantine e ai frantoi del territorio...

 

Il vecchio borgo di Cerveteri

     

Cerveteri

Cerveteri, la Banditaccia

Cerveteri, trenta secoli di storia. Ma la presenza etrusca è qui di gran lunga preponderante: 450 ettari di necropoli, seconde solo a quelle egiziane. La più importante, la necropoli della Banditaccia (Patrimonio dell’Umanità), racchiude in 12 ettari circa duemila tombe.
Gli ambienti funerari riproducono gli interni delle case etrusche, dai particolari architettonici agli elementi dell’arredo, consentendo di conoscere un aspetto di questa civiltà altrimenti perduto...
Vedi pacchetti arrow

 

Palazzo Vitelleschi, Tarquinia

Tarquinia

Santa Madonna di Valverde, Tarquinia

Patrimonio dell’Umanità, Tarquinia è tra i più importanti siti archeologici d’Italia, con i suoi tremila anni di storia testimoniati dall'eccezionale patrimonio di tombe etrusche nella necopoli di Monterozzi decorate con pitture parietali uniche al mondo, e dal borgo medioevale, con le sue 38 torri, le chiese e il Museo Nazionale Etrusco ospitato nel Palazzo Vitelleschi.
Le tombe etruschi visitabili a Tarquinia sono una decina: la presenza è segnalata da un cumulo di terra (i “monterozzi”) e prendono il nome dai soggetti delle bellissime pitture come la tomba della Caccia e della Pesca), delle Leonesse, del Cacciatore...
Vedi pacchetti arrow

 

Castello della Badia, Vulci

 

Vulci

tomba francois

Al confine tra Maremma laziale e Maremma toscana il Parco di Vulci conserva resti archeologici di notevole importanza. La zona è selvaggia con rupi ricoperte da fitta vegetazione. 
Vulci fu una delle più grandi città-stato dell’Etruria.La città aveva sviluppato i propri commerci anche con la Grecia e l’Oriente, dei quali sono testimonianza i ricchi corredi funebri oggi sparsi nei musei di tutto il mondo....
Vedi pacchetti arrow

 

Veio: il tempio di Portonaccio

Veio

Veio: la piscina sacra di Portonaccio

Veio, la città più meridionale dell’Etruria, punto di raccordo tra i territori etruschi a Nord e il Lazio, la grande nemica di Roma sin dall’epoca di Romolo. Veio, la città etrusca più “internazionale”, attigua a Roma ed ai Latini, ma anche ad altre popolazioni vicine e lontane: i Falisci, gli Umbro-Sabini, ed i Greci, le cui culture influenzano lo sviluppo ed il carattere della città.
L’elemento che contraddistingue Veio dalle altre città d’Etruria è la produzione coroplastica.. La più famosa è la statua dell’Apollo di Veio, ritrovata nel tempio di Portonaccio ed attribuita all’unico artista etrusco di cui si conosce il nome: Vulca...

Vedi pacchetti arrow

 

Centro storico di Viterbo

Viterbo

Viterbo: quartiere San Pellegrino

Lo scenario della città è di una suggestione incredibile, con le sue piazzette, i vicoli, i palazzi, le fontane, le torri, le botteghe di antiquariato ed i laboratori artigianali. All’inizio di maggio le vie del quartiere medioevale San Pellegrino si trasformano in un giardino di fiori.
Il centro principale del Patrimonio di S. Pietro e capitale della Tuscia sotto Innocenzo III, a Viterbo nasce il “conclave”, la procedura per eleggere il capo della cristianità, e qui sono eletti alcuni Papi tra cui Gregorio X, Niccolò III e Martino IV...
Vedi pacchetti arrow

 

Grand Hotel Stigliano

 

Stigliano

Canale Monterano

Le acque termali di Stigliano, che sgorgano tra i 36 ed i 58 gradi, conservano intatte tutte le loro prerogative benefiche e curative che ben conoscevano gli Etruschi e che lo scrittore romano Plinio il Vecchio descrive nel I secolo d.C. nella sua opera Naturalis Historia. Conosciuta da sempre con il nome di Bagnarello, la fonte termale si trova all’interno di un magnifico parco, a poca distanza dalla struttura alberghiera Grand Hotel Stigliano.
Vedi pacchetti arrow

 

 

Google
WWWinfoshops.it


Segnala ad un amico!
 

  
Stampa questa pagina
stampa[2]

home

Copyright: Consorzio Tuscia Turismo - Via Pio VII n.2, Roma, 00167 - Partita IVA: 06610581008 - Privacy

Tiuk_Travelin collaborazione con:

Licenza Regione Lazio n° 5273 del 13/07/93 - Garanzia Assicurativa: Polizza n. 13036 di EUROPE ASSISTANCE in osservanza alle disposizioni previste.
Pubblicazione redatta in conformità alle disposizioni della Legge della Regione Lazio n. 63 del 17 settembre 1984